Notizie sul web marketing, digital e social, inbound marketing

    Inbound vs. Outbound Marketing

    Se presti attenzione alle tendenze del marketing, hai sentito persone che gettano i termini "inbound marketing" e "outbound marketing", ma cosa significano veramente?

    Ascolta, i professionisti del marketing amano inventare le parole: se tutta la tua professione dipendesse dal convincere le persone a comprare cose usando il linguaggio, lo potresti fare anche tu. Ma il marketing inbound e in outbound non sono solo gergali.

    Questi termini incarnano una sorta di cambiamento culturale nell'intero concetto di come funziona il marketing, in particolare attraverso i canali.


    Che cos'è il marketing in uscita?


    Il marketing outbound è quello che era noto come "marketing". È interruttivo e si spinge verso il pubblico, indipendentemente dal fatto che il pubblico lo voglia o meno. Annunci TV e radio, telemarketing, banner e annunci display, cartelloni pubblicitari, annunci di giornali e riviste, chiamate a freddo, pop-up e pop-under e annunci contestuali sono tutti esempi di marketing in uscita. Il marketing in uscita è caduto in disgrazia negli ultimi 10 anni. L'eccessiva saturazione, soprattutto su Internet, ha causato il disinteresse per la pubblicità display.

    Dall'avvento del blocco pubblicità, è solo peggiorato. Le percentuali di clic per gli annunci display sono ora prossimi allo 0,05% e, secondo lo stato di Inbound 2017 di Hubspot, i marketer considerano la pubblicità a pagamento come la stampa e trasmessa come la tattica di marketing più sopravvalutata.

     

    Cos'è il marketing inBOUND?


    Il marketing inbound è un concetto di marketing relativamente nuovo in cui i marketer cercano di "attirare" potenziali clienti con contenuti interessanti. Chiamato anche content marketing, l'inbound marketing prevede la creazione di post di blog, social media, infografiche, white paper, newsletter via email e altri contenuti che le persone in realtà vogliono leggere. L'ottimizzazione dei motori di ricerca è stata scoperta e la ricerca a pagamento aiuta le persone a trovare il contenuto dei marketer.

    Se è abbastanza coinvolgente, interagiscono con esso, leggono e condividono e ne ricavano un'impressione positiva del brand che influenza le decisioni d'acquisto successive.

    Il marketing inbound è molto diretto e indiretto: non c'è mai un passo di vendite evidente. Il marketing inbound spinge i clienti nel funnel verso il basso nella canalizzazione delle vendite aumentando il loro impegno con il marchio.

    Ecco un'illustrazione di come funziona.

    inbound_marketing-2

    Come funziona il processo inbound, da Hubspot.


    Qual è la differenza tra il marketing inbound e l'outbound?


    Inbound                                                                             Outbound    


    Attira i lettori interessati                                                   Spinge a tutti, indipendentemente dagli interessi
    Scritto per le esigenze del consumatore                     Scritto per le esigenze del prodotto
    Interattivo e fluido,                                                           A senso unico
    Attira i clienti                                                                     Cerca clienti
    Fa parte del consumo di contenuti                               Interrompe il consumo di contenuti

    Habitat naturale: blog, social media, email di opt-in, 
    ricerca, influencer marketing                                          Habitat naturale: pubblicità display, cartelloni                                                                                                    pubblicitari, copioni telemarketer, riviste, spot                                                                                                    televisivi

    Cosa c'è di più efficace, in entrata o in uscita sul mercato?


    Il marketing inbound è di gran lunga la scelta di marketing più alla moda in questo momento. Secondo lo stato di Inbound 2017 di Hubspot, il 71% delle aziende di tutto il mondo ha riferito di essere principalmente focalizzato sull'inbound. Indubbiamente in entrata fornisce un ROI migliore: gli sforzi di marketing in entrata sono del 62% meno costosi di quelli in uscita.

    D'altra parte, l'efficacia dell'ingresso può essere difficile da misurare. Poiché la strategia inbound si basa sull'aumento della brand awareness, sulla creazione di valore e sulla mancata vendita, è difficile quantificare esattamente l'efficacia della tua strategia.

    Le più grandi critiche al marketing outbound sono state tradizionalmente il fatto che è costoso, non è reattivo non è mirato ed è molto meno misurabile. Spendi migliaia di euro per un annuncio televisivo, lo mandi nel mondo e speri per il meglio. E anche se la maggior parte delle aziende non aumenterà la spesa per questo tipo di pubblicità outbound - diciamoci la verità, il telemarketing non avrà mai senso per la maggior parte dei brand- i recenti aggiornamenti del targeting del pubblico stanno dando nuova vita alla pubblicità display.

    Strumenti come il retargeting dei pixel, gli annunci contestuali e i segmenti di pubblico locali consentono agli annunci display Facebook, Instagram, Twitter e Google di essere indirizzati in modo specifico agli utenti in base a ciò a cui sono interessati. Si tratta di una sorta di marketing otbound che mostra potenziale non sfruttato e aggira annunci pubblicitari. A differenza del marketing outbound del passato, incorpora la strategia inbound di mostrare agli utenti le cose che troveranno utili o interessanti.

    Nell'attuale scenario di marketing, molte aziende utilizzano una combinazione di una brillante strategia inbound e outbound e retargeting di annunci display in uscita.

    IN COSA CONSISTE LA METODOLOGIA INBOUND?


    Una buona strategia inbound prevede la creazione di contenuti che attirano il lettore desiderato, quindi aiutano a trovarlo attraverso la ricerca, il social e la scoperta.

    Per iniziare, devi creare buyer personas: chi sono le persone che vuoi attirare a questi contenuti? Cosa stanno cercando? Che tipo di cose piacciono? Dopo di questo, crea una solida strategia SEO.

    Come ti troverà questo tipo di pubblico? Ottimizzerete i vostri contenuti per le ricerche di parole chiave di Google? Lo spingerai sui tuoi canali social? Quanto spesso pubblichi? Un sacco di questi punti sono cose che scoprirai mentre sperimenterai. Dopodiché, è il momento di creare i tuoi contenuti e metterli online.

    Assicurati di costruire un modo per valutare il successo dei tuoi sforzi. Prima di fare qualsiasi cosa, trova una idea concreta di come sarebbe il successo per il tuo contenuto e di avere un modo per misurarlo. Le metriche guideranno ciò che farai andando avanti. Qualsiasi strategia di marketing di successo è dinamica e cambia in base ai dati che raccogli sull'efficacia dei tuoi contenuti. Se questo sembra troppo impersonale, pensa in questo modo: scopri cosa vuole la tua gente e daglielo.


    Trovare la giusta strategia di marketing per te


    In definitiva, la migliore strategia di marketing per la tua azienda sarà quella che funziona. Prova sempre nuove cose mentre continui a fare le cose vecchie che stanno funzionando.

    Analizza frequentemente i tuoi dati e sii attento alle modifiche che vedi. Ricorda, anche il pubblico cambia.  Il tuo mix di marketing inbound e outbound cambierà quasi certamente nel tempo e la tecnologia aggiunge nuove funzionalità e modalità di connessione con le persone. Detto questo, la strategia più importante sarà sempre: sperimentare, misurare, ripetere.

    Richiedi Consulenza Gratis sul content marketing

    « Blog: cos'è e come utilizzarlo per acquisire Lead Landing page: una guida ai fondamentali »

      Ultimi articoli

      RICHIEDI SUBITO LA CONSULENZA GRATUITA  Un'analisi esperta per scoprire il posizionamento del tuo sito Web

      Iscriviti al nostro blog