sostenibilità

La sostenibilità nel marketing: Guida essenziale per le aziende

In un'epoca in cui la consapevolezza ambientale e la responsabilità sociale giocano un ruolo sempre più centrale nelle scelte dei consumatori, il marketing sostenibile si impone come una strategia imprescindibile per le aziende che desiderano restare competitive e al passo con i tempi. La sostenibilità nel marketing non riguarda solo la promozione di prodotti o servizi ecologici, ma abbraccia una visione più ampia che considera l'impatto ambientale, sociale ed economico di tutte le attività di marketing. In questo articolo, esploreremo le pratiche fondamentali del marketing sostenibile.

Cosa significa fare Marketing Sostenibile?

Fare marketing sostenibile significa adottare strategie e pratiche che non solo mirano al successo commerciale, ma che lo fanno tenendo conto dell'impatto ambientale e sociale delle attività di marketing.

Ciò include:

  • Promuovere prodotti e servizi sostenibili: Dare priorità alla vendita di prodotti che sono amici dell'ambiente, che riducono gli sprechi, che sono riciclabili o che hanno un basso impatto ambientale durante la produzione e il ciclo di vita.
  • Comunicazione responsabile: Assicurarsi che i messaggi di marketing siano veritieri, non ingannevoli e promuovano un consumo responsabile.
  • Packaging Eco-compatibile: Ridurre l'utilizzo di materiali non riciclabili e non necessari nel packaging dei prodotti.
  • Green marketing: Ottimizzare l'uso delle risorse digitali per ridurre l'impronta ecologica delle campagne pubblicitarie online.

Perché è importante?

Il marketing sostenibile non è solo una questione etica; è anche una strategia aziendale intelligente. I consumatori di oggi sono sempre più informati e consapevoli delle questioni ambientali e sociali, e tendono a preferire aziende che dimostrano un vero impegno verso la sostenibilità. Integrare la sostenibilità nelle strategie di marketing può quindi migliorare l'immagine del marchio, costruire una relazione di fiducia con i consumatori e, in ultima analisi, guidare le vendite.

 

Come Implementare il Marketing Sostenibile nella Tua Azienda

  • Analizza e migliora la catena di fornitura: Assicurati che i tuoi fornitori operino in modo etico e sostenibile. Questo non solo riduce l'impatto ambientale ma migliora anche l'integrità del tuo marchio.
  • Adotta pratiche di Green marketing: Minimizza l'uso di energia e risorse nel tuo marketing digitale, ad esempio ottimizzando i contenuti online per ridurre il consumo di dati.
  • Promuovi la responsabilità sociale: Coinvolgi la tua azienda in cause sociali o ambientali, comunicando questi sforzi attraverso le tue campagne di marketing.
  • Formazione del team: Assicurati che tutti i membri del tuo team siano informati e impegnati nella sostenibilità, permettendo loro di contribuire con idee innovative e sostenibili.

 

Gli errori da non fare in una strategia di marketing sostenibile

Creare una strategia di marketing sostenibile non è poi così facile, per non sbagliare bisogna tenere a mente anche i suoi rischi. Affrontare dei rischi può spaventare un'azienda, per questo è importante essere sempre trasparenti e autentici.

Cinque rischi che non avevi calcolato:

  1. Non utilizzare il concetto di marketing sostenibile in modo superficiale e ingannevole, solo per migliorare l'immagine della tua azienda, ma procedi concretamente e con trasparenza, così da non perdere credibilità e stima dai consumatori.
    2. Non mettere al primo posto solo il valore della sostenibilità, è uno dei valori principali ma non è l'unico, non spostare in secondo piano il resto.
    3. Non concentrarti solo su un passaggio, ma nella completezza del tuo servizio, concentrati sulla strategia, produzione e comunicazione. Al giorno d'oggi la comunicazione nei canali social è fondamentale per comunicare e condividere i propri valori e il messaggio che si vuole trasmettere.
    4. Non spaventarti davanti ai costi e l'impegno iniziale nel cambiamento del tuo marketing, ma rifletti sul motivo per cui lo fai e il risultato a lungo termine che ti porterà.
    5. Non pensare che potrai fare tutto senza vincoli, le pratiche di marketing sostenibile devono avvenire nel rispetto delle leggi locali e internazionali.

 

Conclusioni

La sostenibilità sta cambiando decisamente il mondo del marketing. Il marketing sostenibile non è sicuramente una tendenza passeggera ma un'abitudine necessaria per affrontare le sfide globali come il cambiamento climatico e all'ineguaglianza sociale. Se vuoi differenziare la tua azienda e dare valore al tuo prodotto o servizio, ti basterà cambiare e adottare le strategie di marketing in modo sostenibile, costruendo una relazione di fiducia con i consumatori e contribuendo a un futuro più verde e giusto per tutti.

 


La sostenibilità digitale è un tema sempre più centrale.

La sostenibilità digitale: un tema sempre più centrale

Cos'è la sostenibilità digitale e quanto inquina internet.

Il tema della sostenibilità digitale sta diventando sempre più centrale, dopotutto se "Se Internet fosse uno Stato, sarebbe il 7° più inquinante".

Così infatti si "apre" il Sustainable Web Manifesto, il documento che rappresenta la base programmatica di una grande intesa tra le più importanti multinazionali del settore digitale, sulla necessità di rendere internet un mondo più pulito, soprattutto per quel che riguarda le sue responsabilità in termini di emissioni di CO2.Un'azienda deve pensare alla sostenibilità digitale

È ancora un tema poco dibattuto, infatti internet non è nemmeno tra i primi dieci suggerimenti di Google nella ricerca dei maggiori fattori inquinanti, ma tutto quel che vediamo online ha un costo in termini di impatto ambientale.

Caricare e rendere fruibili i nostri contenuti in un sito web strutturato richiede un quantitativo di energia che si traduce in produzione di CO2, ciò dipende in gran parte da come il server che "ospita" il nostro sito si procura l'energia necessaria per costruirlo e renderlo visualizzabile.

La questione della sostenibilità digitale viene da (non molto) lontano...

Negli ultimi 10-15 anni, il volto della rete è radicalmente cambiato. Il continuo sviluppo dei linguaggi di codifica e l'allargamento sempre più importante della banda su cui viaggiano i dati restituiscono, all'interfaccia che ci si presenta agli occhi quando apriamo un sito internet, possibilità sempre maggiori.

Sostenibilità digitale per un'impresa eco-friendlyPrima dello sviluppo della fibra ottica o del 4G per il traffico mobile, mettere online video o immagini di alta qualità era addirittura controproducente nell'ottica di arrivare a più persone possibile, in quanto il numero di utenti dotati di mezzi sufficientemente potenti per aprire online file di grandi dimensioni era ancora esiguo.

Tutti ricordiamo attese che sembravano interminabili mentre i nostri pc o i primi smartphone cercavano di caricare audio e video o semplicemente immagini in alta definizione. Lo sviluppo di tecnologie sempre più performanti oggi non ci mette più di fronte a scelte di compromesso.

 

 

 

Nuova call-to-action

Più contenuti, più dati, più utenti

Il volume dei dati è aumentato esponenzialmente, quindi, sia in termini di singoli file (quantità) sia in termini di bytes per file (qualità). Immagazzinare e mantenere attiva questa mole di informazioni costa: ci vogliono infrastrutture ed energia per farle funzionare.

La media di CO2 prodotta per una singola visualizzazione di una pagina internet è di circa 1,76 grammi. Un sito ad alta concentrazione di dati, che significa molte immagini e video di alta qualità, può produrre fino a 10 grammi di CO2 per singola visualizzazione.La sostenibilità digitale: sempre più importante

Il dato in sé potrebbe significare poco se non lo contestualizziamo in un mondo che a oggi vede 1,88 miliardi di siti online fruibili efficacemente dalla metà circa della popolazione mondiale (3,9 miliardi di persone): quella che ha la possibilità di accedere liberamente alla rete.

Se consideriamo che lo sviluppo delle piattaforme e degli strumenti per navigarle allargherà ancora di più nei prossimi anni questo paniere, non possiamo non immaginare che l'impatto della rete sull'ambiente rischia di diventare critico.

La sostenibilità dei contenuti

Prendiamo ad esempio uno degli aspetti della rete che ha subito il più rilevante miglioramento prestazionale nell'ultimo decennio. Lo streaming.

Secondo uno studio di The Shift Project, il gruppo di studio no-profit francese attivo dal 2010 sul rilevamento e il monitoraggio delle questioni legate alla transizione ecologica, il traffico di tutto lo streaming video di internet produrrebbe circa 306 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno.

Il tema della sostenibilità digitale toccato dal Sustainable Web Manifesto non riguarda però solo il funzionamento di internet, cioè il contenitore, ma anche la natura della sua proposta, di quello che c'è in vetrina.

Tra le linee guida del documento, trova spazio la questione etica della proposta di valore dei contenuti internet. 

La rete deve proporre prodotti e servizi di facile fruizione, di trasparente efficacia, di comprovata qualità. 

Internet deve parlare dei temi della sostenibilità e deve esserne l'emblema, per questo deve dare il buon esempio.

L'Hosting "verde" è tra le soluzioni della sostenibilità digitale

Già da diversi anni esistono molte società di hosting alle quali possiamo richiedere spazio per il nostro sito e i suoi contenuti. I servizi sotto elencati, alcuni nati proprio in risposta a questa problematica, certificano in vari modi la propria impronta ecologica.

  1. GreenGeeks
  2. SiteGround
  3. Dreamhost
  4. iPage
  5. GreenHost
  6. A2 Hosting

L'uso di energia da fonti rinnovabili, alcune provenienti addirittura da impianti di proprietà, oltre al ripristino dell'equivalente in alberi della CO2 prodotta, fino all'istruzione di vere e proprie condotte di comportamento da far seguire agli utenti sono alcune delle pratiche proposte da queste società.

Efficientare le risorse dedicate alla rete è il futuro

L'hosting "green" va di pari passo agli investimenti strutturali sulla rete, che non è solo energivora a causa di comportamenti poco parsimoniosi da parte dei naviganti, o dell'accrescersi del suo numero, ma anche perché i server, ovvero le banche dati che contengono le informazioni online, hanno bisogno di grandi risorse sia per essere costruiti, sia per funzionare al meglio.

Ecco spiegato il motivo di alcune sperimentazioni a dir poco audaci, come quella di Microsoft, che ha letteralmente affondato un intero data center (un enorme container pieno di moduli di memoria) 35 metri al di sotto della superficie del mare a largo delle coste scozzesi delle isole Orcadi.

Il Microsoft Project Natick si è rivelato un successo.

Non solo i moduli sono stati ripescati riportando danni esigui, in misura molto minore a quelli riscontrabili in strutture equivalenti sulla terra ferma, ma hanno anche prodotto un risparmio in termini di consumo energetico di straordinaria rilevanza, grazie alle basse temperature garantite dall'ambiente sottomarino del Mare del Nord.

La sostenibilità digitale è un mix di competenza, tecnologia e buone pratiche

Come in ogni ambito della transizione ecologica, sono i nostri comportamenti che fanno pendere l'ago della bilancia verso la sostenibilità ambientale del progresso della nostra società.

Le nostre abitudini di vita, anche quelle legate alle nuove tecnologie, hanno un impatto tutt'altro che virtuale, come abbiamo visto. Il mercato ci offre soluzioni in questo senso nella misura in cui noi le premiamo con le nostre scelte commerciali, ma anche con buone pratiche di utilizzo dei mezzi e delle risorse.

Le sfide del futuro sono la costante ricerca di soluzioni ai nostri problemi, e alla consapevolezza che questi sono legati a doppio filo con la sostenibilità del nostro ambiente: la casa di tutti noi, il nostro pianeta.