Blog - MARCHE IN DIGITALE

    MARCHE IN DIGITALE 

    Curiosità, novità, guide sul modo del business digitale per essere sempre aggiornati

    ricerca_parole_chiave

     

    Una mini-guida per la ricerca parole chiave non focalizzandosi però solo sulle keywords

    Ti occupi di Seo o di Content Marketing e stai cercando le keywords giuste per produrre un contenuto interessante ed efficace ma da dove devi partire?

    Parti dal contenuto e non dalle keywords

    Prima di svolgere la ricerca delle parole chiave si deve avere ben chiaro in mente su cosa verterà il contenuto che vogliamo sviluppare e farsi delle domande preliminari:

    Conosco l'argomento di cui voglio scrivere?

    Conosco il lettore/utente target a cui voglio rivolgermi?

    Ho delle risposte interessanti e utili per la mia nicchia?

     

    Studia il contesto

    La prima operazione da svolgere è documentarsi sul contesto in cui il mio argomento si annida per poter scovare dei “buchi” informazionali che i miei competitors non hanno approfondito.

    Controlla le SERP e studia le pagine che trattano il tuo stesso topic?

    Attraverso questa operazione puoi renderti conto di 2 aspetti fondamentali nella scrittura in ottica SEO:

    1 Scoprire cosa piace a Google

    I contenuti che trovi in cima alla Serp sono ormai nel 90% dei casi i migliori contenuti che rispondono a quel tipo di QUERY: studiando dai migliori puoi capire cosa Google ha premiato e cosa invece non è stato sviluppato nel modo adeguato.

    2 Scoprire cosa piace al tuo potenziale pubblico

    Ormai anche i muri sanno che non si scrive solo per il motore di ricerca: il contenuto deve essere di utilità per l'utente che atterra sulla nostra pagina.

    Guardando la SERP (le pagine dei risultati del motore) posso rendermi conto di come sono stati trattati certi argomenti e che tipo di risposte sono state giudicate valide dai lettori.

    Si ok, ma le parole chiave quando arrivano?

    Dice il saggio: “Keyword arriva quando conosci tuo pubblico”

    Senza un'analisi preliminare del contesto e una creazione degli “utenti ideali” ai quali rivolgersi la ricerca di parole chiave potrebbe diventare controproducente poiché si rischierebbe di individuare dei topic che non matchano affatto con le esigenze del pubblico e quindi scrivere un contenuto sterile e inutile per la nostra nicchia.

    L'intento di ricerca delle parole chiave: un concetto fondamentale

    Abbiamo parlato finora di Serp, argomenti utili per la nicchia di riferimento ma dopo aver visto su cosa hanno scritto gli altri come decido su cosa puntare io per il mio contenuto?

    Quì entra in gioco un concetto fondamentale che si è sviluppato dall'algoritmo Hummingbird che ha per la prima volta introdotto nel “giochino” il concetto di significato delle parole.

    Per fornire dei risultati di qualità e utili per l'utente Google si è attrezzato per capire di cosa parla un testo e ha creato il nuovo algoritmo.

    Un esempio per la ricerca per intento di parole chiave:

    Prima Big G. non era in grado di distinguere tra cucina inteso come “arredamento” e invece la Cucina nel significato di “cucinare” ora invece se facciamo una ricerca

    cucina-moderna

    Come possiamo vedere per una query di ricerca “cucina moderna” google restituisce la maggior parte dei risultati del campo “arredamento” perchè si è reso conto dalle ricerche e dalle interazione degli utenti che quando cercano quella specifica frase si aspettano pagine che parlano di mobili da cucina.

     

    Il momento dei Tools di keyword research

    Ok, adesso abbiamo svolto un'analisi degli intenti di ricerca che si nascondono dietro gli argomenti del nostro articolo/pagina, abbiamo sviluppato una mappa concettuale dividendo i Topic in sotto-topic da espandere.

    Crea una mappa mentale dei contenuti

    per questa fase ci sono vari tools interessanti tra cui uno gratuito Coggle che permette di creare delle mappe mentali e aere subito un output grafico.

    Esempio di mappa dei contenuti fatta con lo strumento topic research di Semrush

     

    semrush_mappa

    Answer the public: molto utile per capire come ricercano le persone

    A metà tra la fase di analisi del contesto e la ricerca delle parole chiave vera e propria si inserisce lo strumento Answer the public.

    Questo tool permette di inserire un argomento e di ottenere in pochi secondi tutte le query o domande digitate dagli utenti in merito alla keyword principale.

    Con la logica giornalistica delle 5W ( WHO, WHERE, WHAT ecc..) avrete le modalità in cui gli utenti si informano su un particolare topic in modo da poter agilmente individuare le aree che vi interessa “sviscerare”.

    answer-the-public

    I dati sono fruibili in tanti modi sia come elenchi scaricabili sia come vedete sopra a forma di mappa grafica di rapida consultazione.

    A questo punto dobbiamo capire se gli argomenti individuati, sono di interesse per il nostro pubblico e se intercettano un numero di ricerche mensili medie degno di nota.

    Volumi delle parole chiave: Keyword planner, Semrush o Seozoom

    Ci sono vari tools che possono aiutarci in questo senso, gratuiti e non Quello gratuito di Google il Keyword planner o Strumento di pianificazione delle parole chiave, lo possiamo utilizzare se abbiamo una campagna Adwords attiva.

    Scegliendo “trova idee” ed inserendo le keywords da noi individuate nelle fasi precedenti di analisi possiamo vedere quante ricerche mensili intercettano e farci un'idea di come struttura il nostro contenuto per “far notare” meglio a Google le keywords più ricercate.

     

    Ricerca Parole Chiave a pagamento o meglio fino a un certo punto

    Ci sono due strumenti formidabili per il lavoro di un SEO o anche di chi si occupa di Content, il primo di matrice “straniera” Semrush e l'altro di orgoglio Italico che è Seozoom.

    Entrambi i tool permettono di svolgere un tot di ricerche giornaliere gratuite per analizzare le parole chiave che abbiamo individuato.

    In più, sotto questo punto di vista, rispetto allo strumento nativo di Google hanno la possibilità di avere un dato sula “difficoltà di posizionamento della keyword” e inoltre il tab delle parole chiave correlate che forniscono un bell'aiuto per trovare “spunti” per arricchire il valore del nostro contenuto.

    keyword-planner

    E adesso?

    SEI INTERESSATO A MIGLIORARE LA TUA KEYWORD RESEARCH?

    Richiedi informazioni

    Come avrete capito la ricerca delle keywords soprattutto in relazione ai volumi è solo la punta dell'Iceberg del processo di produzione di un contenuto di qualità per l'utente...

    Ora c'è rimasto solo un piccolo dettaglio: dovete SCRIVERLO!!

    « Come ottimizzare il tuo sito web per mobile: posizionati meglio con snippet, seo e responsive test

      Ultimi articoli

      RICHIEDI SUBITO LA CONSULENZA GRATUITA  Un'ora di consulenza esperta per sviluppare una strategia vincente di  Marketing Automation

      Iscriviti al nostro blog