Notizie sul web marketing, digital e social, inbound marketing

    TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE SU LINKEDIN

     

    Cos’è?

    Linkedin è un social network pensato appositamente per la comunità imprenditoriale.

    Pubblicato per la prima volta nel 2003 è riuscito, oggi, a ritagliarsi un importante fetta di mercato distinguendosi da tutti gli altri social network (ad esempio: Instagram, Facebook ). Su Linkedin sono presenti circa 562 milioni di utenti di cui 11 milioni solo in Italia.

    Questo social network è stato progettato originariamente per trovare lavoro in modo semplice e per creare connessioni, oltre a ciò, oggi, è diventata anche una piattaforma dove gli utenti possono interagire e discutere su argomenti per loro importanti ( ad esempio strategie di marketing, prezzi, novità digitali e non, nuovi metodi o procedure ...)  e sul futuro delle loro carriere.

    Perché iscriversi

    Linkedin oltre che mettere in contatto tra loro soggetti con interessi simili offre numerosi vantaggi tra cui:

    • Permette di mostrare la tua esperienza lavorativa e le tue competenze
    • Permette di trovare nuovi contatti e di espandere la tua rete in modo significativo
    • Permette di controllare quotidianamente il proprio posizionamento e la propria immagine sul web
    • Permette di controllare quante e quali persone hanno visitato il tuo profilo
    • Permette di rimanere aggiornati sulle news delle aziende seguite, delle offerte di lavoro, delle università presenti nella rete Linkedin
    • Permette agli altri utenti di scrivere segnalazioni, recensioni su un altro utente o su un’altra impresa riproducendo così tutti gli effetti positivi del “passaparola”.

    Come iscriversi

    Creare un profilo Linkedin è davvero molto semplice e immediato.Iscriversi-a-LinkedIn (fonte:www.tecnocino.it)
    Basta digitare su Google il nome del social network e compilare il modulo di registrazione in cui inserire i propri dati nei campi NOME, COGNOME, E-MAIL E PASSWORD (per accedere direttamente alla pagina clicca qui).
    Successivamente si aprirà una nuova pagina in cui dovranno essere inseriti il Paese di Provenienza e il Cap della tua città.
    A questo punto si procede con la creazione del profilo  professionale inserendo i dati nei campi       QUALIFICA PIU’ RECENTE e AZIENDA PIU’ RECENTE selezionando anche il settore dalle varie opzioni disponibili nel menu a tendina.
    Di seguito si aprirà una nuova pagina in cui comparirà la domanda: Cosa ti interessa in particolare? Qui dovrete cliccare l’opzione che fa al caso vostro tra TENERMI AL CORRENTE SUL MIO SETTORE, TROVARE UN LAVORO, RESTARE IN CONTATTO CON I MIEI COLLEGAMENTI, COSTRUIRE LA MIA RETE PROFESSIONALE, NON SO ANCORA..ACCETTO SUGGERIMENTI.
    Una volta cliccata un’opzione si passerà alla verifica dell’indirizzo e-mail. Vi verrà inviato un codice all’indirizzo e-mail che avete fornito in precedenza, questo codice dovrete poi inserirlo nell’apposito spazio della pagina web per confermare di avere accesso all’indirizzo e-mail che avete indicato.

    L’utente base

    Creando un profilo sarai un Utente base quindi potrai metterti in contatto solamente con profili che hanno frequentato la tua scuola, la tua azienda. Con l’utente base puoi vedere gli ultimi 5 utenti che hanno visitato il tuo profilo, visualizzare i profili completi solo fino al 2° grado e applicare 4 filtri per ricerche più mirate.

    La rete e i gradi di collegamento

    Le persone che fanno parte della tua rete sono chiamate COLLEGAMENTI. Puoi realizzare la tua rete inviando inviti ad altri Membri Linkedin e ai tuoi contatti e-mail o accettando gli inviti che ricevi da terzi.

    Ci sono vari gradi di collegamento che influiscono sul modo in cui puoi interagire con gli altri profili su Linkedin.

    Il collegamento di 1° GRADO è assegnato ai profili con cui hai un collegamento diretto perché loro hanno accettato la tua richiesta o perché tu hai accettato la loro.

    I collegamenti di 2° GRADO sono profili collegati ai tuoi collegamenti di 1° grado; a cui puoi inviare un InMail o a cui puoi inviare un invito cliccando sul pulsante “collegati” aprendo il loro profilo.

    I collegamenti di 3° GRADO sono quei profili collegati ai tuoi collegamenti di 2° grado; se è visibile solo il loro nome e la prima lettera del cognome puoi inviare loro un messaggio InMail ma non l’invito di collegamento, se invece è visibile sia il nome che il cognome puoi inviare loro un invito di collegamento.

    Fanno parte della tua rete anche quei profili che sono collegati con un tuo stesso gruppo. Ad essi è possibile inviare un messaggio Linkedin o interagire con loro direttamente attraverso il gruppo.

    La versione Premium

    LinkedIn-Premium-Options

     

    (fonte: www.jobsearchbible.com)

    Linkedin premium è una versione a pagamento che permette di ottenere numerosi vantaggi che si differenziano in base all’alternativa premium che si preferisce. Sono disponibili 4 varianti:
    Premium Career --> Disponibile a 30,23 € al mese. Con questa versione è possibile inviare fino a 3 messaggi InMail a qualsiasi recruiter e agli autori delle offerte di lavoro; candidandoti ad un offerta di lavoro con candidatura semplice il tuo annuncio apparirà in primo piano nella lista dei candidati; permette di partecipare a video corsi online per ampliare e consolidare le proprie conoscenze; permette di scoprire chi ha visitato il tuo profilo negli ultimi 90 giorni e come ti ha trovato.
    Premium Business --> Disponibile a 45,36 € al mese. Con questa versione è possibile inviare fino a 15 InMail a qualsiasi contatto su Linkedin anche se non siete collegati; si possono ricevere informazioni dettagliate sul trend di crescita e funzionale dell’azienda; permette di partecipare a video corsi online per ampliare e consolidare le proprie conoscenze; permette di scoprire chi ha visitato il tuo profilo negli ultimi 90 giorni e come ti ha trovato; permette di visualizzare un numero illimitato di profili fino al 3° grado di collegamento.
    Sales navigato Professional --> Disponibile a 60,49 € al mese. Con questa versione è possibile inviare fino a 20 InMail a qualsiasi contatto su Linkedin anche se non siete collegati; Ottieni maggiori informazioni sugli account come i cambiamenti di lavoro, la crescita aziendale e molto altro; permette di utilizzare una ricerca avanzata che mira ai decision maker e crea elenchi personalizzati di contatti con filtri di ricerca avanzati; permette di scoprire chi ha visitato il tuo profilo negli ultimi 90 giorni e come ti ha trovato; permette di visualizzare un numero illimitato di profili fino al 3° grado di collegamento; permette di salvare le ricerche per tenerti al corrente delle novità pubblicate.
    Recruite Lite --> Disponibile a 90,73€ al mese. Con questa versione è possibile inviare fino a 30 InMail a qualsiasi contatto su Linkedin anche se non siete collegati; permette di mirare ai talenti migliori con filtri di ricerca avanzati progettati appositamente per il recluting; fornisce suggerimenti dinamici mentre si compiono delle ricerche; permette con la funzione Assunzione Integrata di gestire l’intero pool di candidati in un unico posto; Permette di scoprire i potenziali candidati che hanno visitato il tuo profillo negli ultimi 90 giorni; permette di visualizzare un numero illimitato di profili fino al 3° grado di collegamento; ha un design specifico per la selezione del personale e possibilità di tener traccia dei candidati.

    I filtri di ricerca

    Linkedin mette a disposizione di tutti gli utenti dei FILTRI per mirare al meglio le loro ricerche. Ogni qual volta si clicca sulla barra di ricerca compaiono 3 tipologie di filtri PERSONE, OFFERTE DI LAVORO, CONTENUTO. In questo modo selezionando, ad esempio, sulla voce offerte di lavoro i risultati della nostra ricerca verteranno solo sulle opportunità di lavoro.

    Dopo aver cliccato su una delle tre tipologie di filtri è possibile selezionare altre caratteristiche sulla barra in alto. Se si seleziona il filtro persone si potranno scegliere ulteriori filtri tra cui il grado di collegamento, la località, l’azienda in cui cercare il soggetto di nostro interesse, il settore il cui il soggetto lavora o l’università/ scuola che ha frequentato. Se si seleziona il filtro offerte di lavoro si potranno scegliere filtri tra cui la data di pubblicazione dell’annuncio, la tipologia di lavoro (part-time, full time..) la località, l’azienda, il settore, la funzione lavorativa. Se si seleziona il filtro contenuto si potranno scegliere ulteriori filtri tra cui la data di pubblicazione, e il soggetto che ha pubblicato il contenuto.

    Per i soggetti che hanno la versione Linkedin Premium ovviamente i filtri saranno ancora più mirati e specifici per le loro ricerche.

    Linkedin e l'iNbound marketing

    Per rendere accattivare, interessante e utile ciò che pubblichiamo su Linkedin è molto importante definire al meglio il nostro Buyer Persona. E' inoltre necessario redigere un piano editoriale ricco di contenuti per attirare traffico qualificato sulla nostra pagina Linkedin e sul resto dei social network.

     Linkedin Pulse

    È la PIATTAFORMA BLOGGING collegata a Linkedin per pubblicare post e articoli come un qualsiasi CMS. Per iniziare a scrivere il tuo blog è sufficiente collegarsi al proprio profilo e cliccare sul pulsante home nellanuova-bozza barra strumenti in alto. Sotto al riquadro con il campo “avvia un articolo”, troverete la dicitura in blu SCRIVI UN ARTICOLO e cliccandoci si aprirà una nuova pagina bianca in cui è possibile digitare il testo e formattarlo con gli strumenti a disposizione. Cliccando sul simbolo “+” al centro della pagina si possono aggiungere immagini, script, link, slide ed altro ancora che renderanno più attraente e coinvolgente il tuo articolo. (fonte foto:  www.ecommerceagency.it)

    Linkedin Pulse offre dei vantaggi ad esempio evita di acquistare un dominio e hosting WordPress, non ci sono passaggi con Server, FTP o altri tecnicismi; è sufficiente connettersi e iniziare a scrivere. Inoltre, offre una buona soluzione per fare personal branding, per esprimere le tue opinioni, per parlare di argomenti centrali per te o per la tua azienda. Per ogni post/articolo che pubblicherai Linkedin invierà ai tuoi contatti una notifica.

    Come trovare lavoro su Linkedin

    Una volta iscritti a Linkedin è importante ottimizzare al meglio il proprio profilo.
    La prima cosa da fare è cliccare sul pulsante “Tu” situato in alto nella barra del menu e cominciare a compilare il proprio profilo. Linkedin aiuta in questo con il riquadro “rafforza il tuo profilo” inserendo domande riguardanti la scuola che hai frequentato, le tue competenze, le esperienze lavorative. Per trovare lavoro si deve entrare nella sezione “cerca offerte di lavoro” in cui sono inserite tutte le offerte di lavoro disponibili. Si possono anche attivare le notifiche via e-mail per restare sempre aggiornati sulle specifiche offerte di lavoro che si avvicinano maggiormente alle nostre esigenze.
    Tuttavia, anche l’aspetto estetico del profilo non è da sottovalutare. Si deve scegliere un immagine professionale, evitando ad esempio i selfie. Anche l’immagine di sfondo deve essere accattivante, si possono utilizzare come sfondo anche video, slide in cui illustrare ad esempio progetti o lavori svolti in passato.

    Trovare dipendenti con Linkedin

    Linkedin mette a disposizione potenti strumenti per trovare dipendenti che fanno al caso nostro:

    Innanzitutto, si possono utilizzare i vari filtri per selezionare solamente i soggetti con determinate caratteristiche.

    Un altro metodo è l’utilizzo delle corrispondenze segnalate cioè segnalazioni di candidati sulla base dell’offerta di lavoro aperta. In questo modo ti vengono presentati dei profili che potrebbero avere le competenze che si adattano all’offerta di lavoro aperta.

    Per ogni profilo è possibile selezionare SALTA per passare al successivo profilo suggerito senza alcuna azione sul profilo che si sta analizzando; NON ADATTO ti farà archiviare il profilo e vedrai meno canditati con delle caratteristiche simili a ciò che hai scartato; REQUISITI GIUSTI sposterà il candidato nella scheda “gestisci candidati” con stato “non contattato”, a questo punto puoi o inviare un messaggio a tale soggetto oppure continuare la ricerca di altri profili suggeriti e inviare successivamente il messaggio.

    Scrivere delle InMail efficaci spigando nel dettaglio cosa si sta cercando nel candidato e tutti i benefici che l’offerta di lavoro offre. Si può includere nel messaggio anche il perché si è ritenuto che quel membro facesse proprio al caso nostro. È importante non dimenticare di inserire i propri dettagli di contatto per far si che il candidato possa ricontattarci e comunicarci la propria disponibilità o per concordare un colloquio o per chiedere ulteriori informazioni.

    Utilizzare Linkedin Recruiter con cui puoi metterti in contatto con l’intera rete di Linkedin, offre un’interfaccia completamente studiata per laimages ricerca del personale, permette la gestione dei messaggi InMail, di offerte di lavoro. Per accedere basta inserire l’e-mail e la stessa password con cui si ha accesso a Linkedin su Linkedin recruiter e si aprirà così la home page del sito. Sposta il cursore nella dicitura “Lavori” situata in alto e seleziona la voce “pubblica un lavoro”, compila poi tutti campi che vengono richiesti (come il nome dell’azienda, l’occupazione che si dovrà svolgere, selezionando i criteri e le competenze che un soggetto deve avere..) per formulare al meglio la tua offerta di lavoro e infine fai click su “Pubblica”.
    Ricorda che le offerte di lavoro pubblicate con Linkedin Recruiter possono essere gestite unicamente con il profilo Recruiter, e le offerte di lavoro avanzate con Linkedin possono essere gestite solamente con il profilo Linkedin. (fonte foto: www.jobscan.com) 

    Linkedin per le imprese B2B

    linkedin-b2b-blogsLe aziende, i venditori devono adattarsi per rimanere pertinenti e competitivi nell'attirare l'acquirente moderno. Per attrarre l'acquirente di oggi, è necessario uno spostamento nel dialogo delle vendite da " Che cosa posso vendere?" A "Come posso aiutarti?"La bellezza di LinkedIn è che si tratta di una piattaforma che è stata progettata per aiutarti a trovare, connetterti e quindi costruire una relazione con il gruppo esatto di persone che comprende il tuo pubblico di destinazione. (Fonte foto: www.falcon.io)

    Ecco alcuni consigli per utilizzare al meglio LinkedIn nelle vendite B2B:
    1. Aggiungi ogni cliente alla tua rete
    Devi aggiungere ogni cliente su LinkedIn per due motivi.
    Se hai i tuoi clienti nella tua rete, sarà molto più facile chiedere alla persona giusta per un rinvio a un altro potenziale cliente quando arriverà il momento. Tutto quello che devi fare è visitare il profilo LinkedIn di un potenziale cliente e vedere se qualcuno dei tuoi attuali clienti è una connessione condivisa.
    In secondo luogo, con le azioni suggerite da LinkedIn, saprai quando un tuo cliente si trasferisce in una nuova azienda o viene promosso a una posizione più elevata.
    2. Partecipa ai gruppi in cui si trovano i tuoi potenziali clienti
    Se stai facendo ricerche in uscita, i gruppi di LinkedIn ti danno l'opportunità di interagire con i potenziali clienti anche prima di inviare l’e-mail fredda.
    La maggior parte dei profili LinkedIn mostra pubblicamente i gruppi di cui fanno parte. Raccogli informazioni su questi gruppi, cerca di capire quanti membri hanno, se sono gruppi aperti o chiusi e soprattutto quanti dei tuoi potenziali clienti si trovano in ciascun gruppo.
    Sulla base di questi dati, scegli 2 o 3 gruppi per unirti e diventarne un membro attivo.
    3. Coinvolgere coerentemente i gruppi
    Per ottenere veramente risultati dai gruppi di LinkedIn, è necessario scegliere 2 o 3 gruppi specifici e concentrarsi sul diventare membri della comunità ad esempio commentando il post di un altro membro con i tuoi pensieri, facendo domande, inserendo contenuti di altre persone che ti sono piaciuti. È necessario un mix coerente di ciascuna di queste azioni per essere un membro attivo, utile e prezioso della comunità e per evitare di essere contrassegnato come spam.
    Imposta una cadenza per interagire con i gruppi di LinkedIn in modo da farlo in modo coerente.

    4. Esporta un foglio di calcolo delle tue connessioni LinkedIn
    Trovare il profilo di LinkedIn di qualcuno è molto più facile che trovare l'indirizzo e-mail. Di solito una rapida ricerca su Google ti porta lì. Questo è ottimo per i venditori perché tutto ciò che devono fare è inserire il nome ed il cognome del soggetto che di interesse per aggiungerlo alla rete e per ottenere il suo indirizzo e-mail e altre informazioni che potrebbero essere utili.
    Una delle funzioni più utili ma meno conosciute di LinkedIn è la possibilità di esportare un foglio di calcolo delle connessioni. Questo foglio di calcolo è completo con nomi, società e titoli di lavoro per ciascuna delle tue connessioni.
    Ecco come esportare le connessioni di LinkedIn.
    1. Passa il mouse sulla scheda delle connessioni e scegli Mantieni in contatto
    2. Fare clic sull'icona delle impostazioni sul lato destro.
    3. Fare clic su "Esporta collegamenti LinkedIn".
    4. Esportare come CSV.
    Questa funzione è molto utile per la ricerca di referenze e per l’aggiornamento dei dati dei clienti.
    5. Ottimizza il tuo profilo per le vendite
    Con alcune ottimizzazioni rapide, puoi trasformare il tuo profilo LinkedIn in un asset di vendita. Ci sono 3 parti principali del tuo profilo che dovresti migliorare.
    1. Il tuo titolo.
    2. La descrizione del lavoro corrente.
    3. Progetti e media.
    Aggiorna il tuo profilo per essere una proposta di valore. Il titolo è la prima cosa che le persone vedono durante la scansione del tuo profilo. Rendilo accattivante. La maggior parte delle descrizioni di lavoro su LinkedIn sono la lista standard di compiti svolti o una breve frase sull'azienda. Per ottimizzare il tuo profilo per le vendite, scrivi una descrizione completa ed accurata del tuo lavoro ed oltre che informazioni tecniche cerca di trasmettere le credenze e i valori portati per la tua impresa.
    L'ultima sezione del tuo profilo che dovresti ottimizzare sono i progetti e i media. Puoi aggiungere video, testo e persino diapositive al tuo profilo LinkedIn.
    6. Visualizza i profili nel tuo settore
    Quando qualcuno che non conosci visualizza il tuo profilo LinkedIn generalmente crea curiosità e si clicca sul loro profilo capire chi sono e perché sono sul tuo profilo. Probabilmente esplorerai le diverse sezioni del loro profilo, cercando qualcosa di rilevante per te che potrebbe darti una risposta.
    Passando attraverso i risultati di ricerca di LinkedIn e visualizzando un gran numero di profili nel settore target, inizierai a ottenere più visualizzazioni di profilo e maggiori possibilità di entrare in contatto con potenziali acquirenti.
    Prima di farlo, assicurati che le tue impostazioni sulla privacy di LinkedIn non siano impostate per visualizzare altri profili in modo anonimo.

     I Gruppi

    I gruppi di Linkedin sono uno spazio all’interno del social network in cui persone con gli stessi interessi, professionisti dello stesso settore possono unirsi per confrontarsi, condividere consigli ed esperienze, chiedere informazioni.

    Per accedere a dei gruppi è sufficiente connettersi a Linkedin e cliccare sulla voce nel menù a sinistra “gruppi”, se non fai parte ancora di nessun gruppo Linkedin ti suggerirà alcuni gruppi che potrebbero interessarti, ti basterà cliccare su uno di essi e chiedere di aderire al gruppo.

    Per creare un gruppo dopo aver cliccato nella voce “gruppi” si aprirà una nuova pagina in cui troverete “Crea un nuovo gruppo”. Inserisci tutte le informazioni richieste come il nome del gruppo, l’immagine, le regole del gruppo. Clicca il pulsante “Crea” e il gioco è fatto. Sarai proprietario e amministratore di tutti i gruppi che crei e potrai assegnare ad altri membri ruoli di amministratore o moderatore. All’interno di un gruppo si può avere un solo proprietario, massimo 10 amministratori e massimo 50 moderatori. 20°000 è il numero massimo di iscritti consentito e per ampliarlo è necessario fare richiesta a Linkedin.

    Si possono creare gruppi aperti o gruppi per soli membri. Nei GRUPPI APERTI le discussioni possono essere visualizzate da chiunque su Linkedin e sul web. Nei GRUPPI PER SOLI MEMBRI le discussioni solo visibili esclusivamente ai membri del gruppo; questa tipologia di gruppo è riconoscibile dalla presenza di un’icona di un lucchetto affianco al nome del gruppo.

    Per i membri iscritti ad un gruppo è possibile inviare messaggi e non necessariamente una richiesta di collegamento ad altri membri dello stesso gruppo anche se non appartengono alla propria rete di collegamenti.

    Come funziona l’algoritmo di Linkedin

    Come in tutti i social network i flussi di contenuti visualizzati sono regolati da un algoritmo, quello di Linkedin è organizzato in 4 fasi:

    1. CLASSIFICAZIONE AUTOMATICA

    Appena viene pubblicato un post, un immagine, un video, ancora prima di essere visualizzato dagli utenti, vengono classificati e inseriti nella categoria Spam, Bassa qualità, Idoneo. Se il contenuto viene classificato come Spam nessuno lo vedrà, se viene classificato di bassa qualità o idoneo passerà alle fasi successive.

    1. IL CONTENUTO VIENE MOSTRATO AD UNA PICCOLA PARTE DELLA TUA RETE

    In questa fase vengono osservati i mi piace, le condivisioni, i commenti relativi a ciò che hai pubblicato. Gli indicatori dell’engagement iniziale del tuo pubblico saranno il segnale che il contenuto postato è sufficientemente buono per passare alla fase successiva.

    1. I CONTENUTI PASSANO AD UN CONTROLLO COMPUTERIZZATO

    I risultati dell’engagement possono essere falsificati ad esempio creando contatti fittizi, per evitare ciò si fanno dei controlli sulla qualità di chi ha pubblicato il post e sulla sua rete di collegamenti. Per questo motivo è molto importante avere una rete di qualità.

    1. I CONTENUTI VENGONO ANALIZZATI DA ESSERI UMANI

    Un tratto che rende unico l’algoritmo di Linkedin è che i contenuti vengono anche controllati da esseri umani che filtrano i contenuti pubblicati dall’utente e ricercano maggiori informazioni su ciò che rende interessante o meno il post. Se il post continua a generare engagement il contenuto resta visualizzato e addirittura potrebbe essere anche potenziato e raggiungere ancora più utenti.

    Come usare gli Hashtag

    Gli hashtag agiscono come parole chiave e aiutano a categorizzare l’articolo, inoltre aumentano anche la visibilità del post. Gli hashtag da utilizzare devono comunque essere professionali e coerenti con quanto scritto nel post.
    Se si vuole creare un hashtag composto da più parole non si devono inserire spazi o punteggiature ma è sufficiente inserire la lettera maiuscola all’inizio di ogni parola. In un post è consigliato non mettere più di cinque hashtag perché con un eccesso di hashtag il post potrebbe essere contrassegnato come spam. Linkedin suggerisce in maniera automatica degli hashtag che potrebbero essere attinenti con ciò che stai scrivendo, cerca comunque di essere sempre originale, creativo e controlla sempre che i tuoi hashtag non vengano fraintesi o non contengano errori di ortografia.

    L’app di Linkedin

    Porta Linkedin sempre con te e scarica l’app sul tuo cellulare (scarica l’app cliccando qui: per Android  per ios ). È un ottimo modo per essere sempre aggiornati e informati sulle novità.

    Centro assistenza Linkedin

    Per qualsiasi tipo di informazione o domande riguardante il social network, Linkedin mette a disposizione il Centro assistenza. Per accedervi è sufficiente andare nella Home e cliccare la dicitura “centro assistenza” posta nel riquadro a destra della pagina. Una volta cliccato, si aprirà una nuova pagina in cui è possibile digitare la propria domanda o selezionare tra i vari link suggeriti da Linkedin.

    1-1

    ( Fonte: www.linkedin4business.it)

    Stato di connessione

    Linkedin ha inserito la possibilità per gli utenti di far vedere ai propri contatti quando si è connessi inserendo un pallino verde di fianco al nome utente. Ciò può essere attivato o disattivato attraverso le funzioni di privacy - gestisci il tuo stato di connessione.

    Unione di più account

    Spesso capita che un soggetto abbia più account Linkedin e che abbia l’esigenza di eliminarne uno. È possibile farlo in modo semplice e veloce attraverso le impostazioni della Privacy - account – unire due account Linkedin. In questo modo i vari account saranno uniti in un unico profilo.

    Navigazione privata

    Ogni volta che visitiamo il profilo di un soggetto a quest’ultimo arriverà una notifica della nostra visita. Esistono vari modi per navigare in incognito e far si che gli altri non vedano che abbiamo visitato il loro profilo:

    • Cambiando le impostazioni sulla privacy: cliccando l’icona “Tu”, seleziona impostazioni e privacy cliccando su Privacy nel menu in alto. Comparirà la voce “come gli altri vedono la tua attività” e clicca su Cambia, di fianco a “opzioni visualizzazione dei profili”, e seleziona Modalità privata.
    •  Attivando Linkedin premium


     

     

     

     

     

    « Perchè Wordpress è il CMS perfetto per la Lead Generation Email Marketing: cos'è e perchè usarlo »

      Ultimi articoli

      RICHIEDI SUBITO LA CONSULENZA GRATUITA  Un'analisi esperta per scoprire il posizionamento del tuo sito Web

      Iscriviti al nostro blog