Notizie sul web marketing, digital e social, inbound marketing

    E-COMMERCE-NON-VENDE

    Ecco una piccola checklist da considerare quando hai un Ecommerce che non vende quanto ti aspettavi! 

    In questo periodo di emergenza e crisi, i veri protagonisti del mondo online sono gli e-commerce, che stanno conoscendo un successo e un boom economico davvero importante!

    Se tu hai aperto un e-commerce e ti stai chiedendo perchè non ti ha portato le vendite che aspettavi, questo è il momento giusto per fare un'analisi e capire meglio la situazione!

    Magari hai anche investito molti soldi, nella fase di start-up, hai il miglior software in commercio dove hai inserito tutti i prodotti del tuo listino... ma tutto questo non ha portato a nessuna vendita?

    In questo articolo  troverai una Check-list di fattori da considerare quando si lancia una piattaforma di vendita on-line da zero.

    1 HAI ANALIZZATO  IL TUO MERCATO?

    Prima di prendere la decisione di vendere on-line hai svolto o incaricato qualcuno di svolgere un’indagine di mercato per capire in che modo il tuo prodotto si posiziona all’interno dello stesso?

    Uno degli errori più grandi che gli imprenditori commettono nella fase di digitalizzazione è quello di non analizzare il contesto.

    Un’analisi del mercato di riferimento e dei competitors ti permetterà di capire come si muovono le aziende che operano nel tuo stesso settore ed individuare delle eventuali nicchie poco battute dove potrai inserirti.

    Questa parte è fondamentale perché devi capire come differenziarti dal resto del mercato e fornire la tua USP (Unique selling proposition) quindi l’argomentazione di vendita che ti rende unico rispetto agli altri.

    2 CONOSCI I TUOI BUYER?

    Un altro errore comune quando si entra nel mondo dell’E-Commerce è pensare di poter vendere il tuo prodotto a chiunque. Il prodotto che vendi è unico, ha caratteristiche particolari e non è destinato a tutti: per questo motivo devi rivolgerti solo a chi può essere davvero interessato.
    Analizza i dati che hai in possesso dall’esperienza off-line, svolgi piccole interviste ai tuoi clienti, capisci perché ti hanno scelto, come sono arrivati a te e perché ti hanno dato fiducia.

    Solo se conosci bene il tuo target di riferimento puoi colpirlo come e quando manifesta il bisogno di volere un prodotto come il tuo!

    3 HAI OTTIMIZZATO LA SEO DEL TUO E-COMMERCE?

    Una volta che hai compreso chi sono i tuoi potenziali clienti devi capire come si muovo sulla rete per cercare i tuoi prodotti o i servizi che offri. Chi ha curato la progettazione del tuo sito di E-commerce? Hai scelto un’agenzia o un freelance?

    La scelta dei partner tecnici a cui affidare la progettazione e creazione del tuo E-commerce è parimenti importante alla fase analitica iniziale.

    • Hai una struttura chiara del tuo negozio online?
    • Le pagine sono ottimizzate per le keywords di interesse?
    • I testi sono originali e forniscono un valore aggiunto al tuo potenziale cliente?
    • Le immagini sono di qualità e ottimizzate?
    • Le categorie chiave hanno dei testi esaustivi e descrittivi?

    Se hai scelto una web agency come partner queste ottimizzazioni dovrebbero essere alla base del progetto per ottenere una buona visibilità online.

    4 PROMUOVI IL BRAND CON REGOLARITà?

    Avere una strategia di promozione sempre attiva per il tuo E-commerce è fondamentale per portare traffico qualificato sul tuo sito e avere la possibilità di fare cassa.

    Pensi che una volta fatto il sito le persone entreranno automaticamente e inizieranno a comprare i tuoi prodotti? Ehm… non funziona proprio così

    Oltre il canale organico, che tra le altre cose è anche quello che necessita di più lavoro e tempo per dare i suoi frutti, ci sono tutti gli altri canali possibili per far sapere del tuo prodotto o servizio: piattaforme di Advertising online come Google Adwords e Facebook e Instagram, ormai indispensabili per far conoscere il tuo Brand e i tuoi prodotti/servizi nella fase di considerazione del percorso di acquisto.

    Se hai un database di e-mail dei tuoi contatti, puoi segmentarlo secondo dei precisi criteri e mandare delle comunicazioni diverse per categoria di contatto.

    5 STAI CREANDO DEI CONTENUTI DI QUALITà?

    Vien da sé che non basta mettere degli annunci generici qua e là per farti conoscere: è necessario produrre dei contenuti unici e di qualità che possano educare il tuo pubblico a conoscere le potenzialità di quello che offri ed invogliarli a sceglierti.

    ES: Vendi barrette proteiche per sportivi?
    Scrivi degli articoli dove tratti il tema dell’integrazione proteica nella dieta sportiva, chiedi ai tuoi clienti migliori delle testimonianze da poter poi condividere. Crea dei video dove spieghi le caratteristiche delle tue barrette e perché un body builder dovrebbe scegliere.

    La cosa bella di questo passaggio è che non hai dei limiti specifici ma solo uno generico:

    Fornisci un contenuto veramente UTILE al tuo target!!

     

    Scopri in 57 secondi come far vendere di più il tuo Ecommerce GUARDA ORA >

    « Coronavirus e nuovi scenari: la shut-in economy Smart working: una modalità di lavoro innovativa ma anche una misura di prevenzione »

      Ultimi articoli

      prepariamoci al futuro

      Iscriviti al nostro blog