Notizie sul web marketing, digital e social, inbound marketing

    MARCHE IN DIGITALE 

    Curiosità, novità, guide sul modo del business digitale per essere sempre aggiornati

    come-ottimizzare-il-tuo-sito-web-per-mobile-posizionati-meglio-con-snippet-seo-e-responsive-test

    Verifica se il tuo sito web è ottimizzato con il test responsive per mobile di google

    Per posizionare meglio il tuo sito è fondamentale che sia ottimizzato per il mobile

     

    Anche prima dell'annuncio ufficiale a novembre 2016, Google ha pianificato il rilascio di un'iterazione mobile-first per l'indice delle pagine Web del suo motore di ricerca.

    Dal momento che sempre più ricerche provengono da dispositivi mobili, (più del 50%) Google sta facendo altrettanto per rappresentare questo cambiamento e sta creando un indice mobile separato che diventerà la fonte principale per tutti i risultati delle query di ricerca.

    Per questo motivo diventa fondamentale che il tuo sito web sia ottimizzato in ottica SEO mobile.

    In questo articolo cercheremo di stabilire i punti fondamentali per una corretta indicizzazione mobile del sito ottimizzato, clicca su questo link se vuoi sapere come fa re una buona ricerca parole chiave in ottica SEO.

    Quando uscirà l'indice mobile-first?

    Questo è un problema difficile. Quando gli è stato chiesto a marzo, Gary Illyes, Webmaster Trends Analyst di Google, ha accennato all'inizio del 2018, tuttavia, abbiamo già avuto conferma che un certo numero di siti sono stati testati sull'indice mobile in circolazione per un numero di settimane di incontri di nuovo a ottobre 2017.

    Più di recente, John Mueller di Google ha dato il segnale di un'imminente diffusione più ampia quando ha offerto istruzioni chiare su come scoprire se un sito è stato spostato nell'indice mobile-first.

    L'indice mobile-first sembra essere un fattore controllato per la maggior parte dei siti, quindi sarebbe saggio seguire il consiglio e ispezionare regolarmente i file di registro.

    Cosa cambierà con l'indice mobile-first di Google?

    Al momento Google ha indicizzato il tuo sito web in base all'esperienza di un utente desktop, prendendo in considerazione solo la versione desktop di un sito Web e il contenuto all'interno. Con un indice mobile-first, Google cambierà il modo di analizzare un sito per indicizzare e classificarlo in base al contenuto e all'architettura informativa del tuo sito mobile come visualizzazione principale.

    Mentre Gary Illyes di Google ha dichiarato alla conferenza SMX West a marzo, che avrebbero lanciato il primo indice mobile quando i risultati sarebbero stati "neutrali", alcuni siti con esperienze mobili sostanzialmente diverse nei loro siti desktop potrebbero inevitabilmente trovare problemi con le serp. Come ci si può preparare all’avvento dell’indice mobile first ottimizzando il tuo sito?

    Se il tuo sito web è progettato in modo reattivo (o con una configurazione di pubblicazione dinamica) e il tuo contenuto principale e il mark-up sono gli stessi su dispositivi mobili e desktop, sei già abbastanza al sicuro, ma se esci da questi parametri, dovresti prendere in considerazione la possibilità di fare alcune modifiche al tuo sito.

    Google ha fornito alcune raccomandazioni specifiche ai webmaster che cercano di preparare/ottimizzare i siti da loro gestiti per il cambiamento. Tuttavia ci sono alcuni passaggi fondamentali da seguire per preparare il tuo sito web

    Ottimizzare il sito per mobile: da dove si inizia?

    1. Assicurati che il tuo sito sia ottimizzato per i dispositivi mobili

    Con oltre la metà di tutto il traffico web proveniente da un dispositivo mobile, dovresti averlo già coperto. Puoi verificare in che modo Google classifica il tuo sito per dispositivi mobili con il loro strumento per il test dell'ottimizzazione per i dispositivi mobili.

    2. Controlla i tuoi file di registro

    Nella maggior parte dei casi, la scansione di GoogleBot è il crawler desktop del 75-80% e il 20-25% del crawler mobile. Quando un sito web passerà al primo indice mobile, visualizzerai il passaggio a circa il 75-80% di GoogleBot mobile.

    3. Se hai un sito web mobile separato dalla versione desktop

    Assicurati di rivendicare la versione mobile in Google Search Console per continuare a ottenere dati accurati.

    4. Assicurati che il maggior contenuto primario sia consegnato a tutti gli utenti ...

    Indipendentemente dal tipo di dispositivo i contenuti devono essere gli stessi e fruibili in maniera semplice a tutti gli utenti che navigano il sito e da tutti i device disponibili.

    5. Verifica che la tua versione mobile sia accessibile a GoogleBot

    Puoi farlo con lo strumento di test robots.txt

    Accedendo al Google Search Console, nel menù sinistra troverai il robots.txt, questo è un file molto importante in ottica ottimizzazione mobile del sito. Da qui infatti si possono bloccare talune pagine o file del sito come ad esempio file CSS, javascript o html.

    Fondamentale per una corretta indicizzazione mobile è che non siano bloccati fogli di stile e javascript che potrebbero limitare o cambiare la visualizzazione da parte del Google Bot nella versione mobile.

    6. Dai un'occhiata alla tecnologia mobile-first come AMP

    Con Google che pone il suo nuovo indice mobile al centro dell'attenzione, ci si aspetta di vedere un'enfasi ancora maggiore sul progetto AMP (Accelerated Mobile Pages) di Google per diventare ancora più importante nel prossimo futuro.

    Le pagine web e gli annunci pubblicati nel formato AMP open-source si caricano immediatamente, dando agli utenti un'esperienza più agevole e più coinvolgente su cellulari e su desktop. Qui trovate le linee guida di Google per il corretto utilizzo di questa tecnologia.

    Si possono utilizzare molti plugin di ottimizzazione SEO AMP in molti CMS open source come Wordpress, Joomla ecc...

    7. Assicurati di offrire un markup strutturato per la versione desktop e mobile

    In caso di dubbio, è possibile verificare il mark-up strutturato attraverso il desktop e il test mobile di entrambe le versioni con lo Strumento di test dei dati strutturati.

    Tutto ciò che dovete fare è inserire il link della pagina da verificare e Google vi restituirà un’analisi dettagliata dei vostri dati strutturati implementati.

    snippet

    Perché i dati strutturati (rich snippet) saranno sempre più importanti in ottica ottimizzazione seo mobile?

    L'uso di Rich Snippets (o markup di  Schema.org) non è assolutamente obbligatorio, ma avvantaggia i motori di ricerca, gli utenti e sì, persino i gestori del sito. La grande differenza però è che, a differenza del tag canonico, il vantaggio è più evidente per tutti i soggetti coinvolti:

    I motori di ricerca sono in grado di restituire risultati più rilevanti.

    Gli utenti possono determinare la pertinenza di risultati specifici più facilmente, spesso sulla SERP. L'uso dei dati strutturati è molto importante anche per fare una corretta SEO LOCAL, se ti interessa approfondire leggi il nostro articolo SEO local: 6+1 semplici modi per dominare la ricerca locale.

    Gli operatori del sito possono trarre vantaggio dall'aumento dei click-through e dalla riduzione della frequenza di rimbalzo, poiché gli utenti hanno un'idea migliore dei contenuti del sito e della pertinenza alla loro query, prima ancora che visitino il sito.

    rich

    Che cosa sono i rich snippet?

    Rich Snippets è il termine usato per descrivere il markup dei dati strutturati che gli operatori del sito possono aggiungere al loro HTML esistente, che a sua volta consente ai motori di ricerca di capire meglio quali informazioni sono contenute in ogni pagina web. Tuttavia, i principali motori di ricerca hanno compiuto un ulteriore passo avanti e ora utilizzano questo codice per presentare risultati di ricerca più ricchi, consentendo agli utenti di trovare più facilmente le informazioni che stanno cercando.

    Serp normale

    In circostanze normali, quando il tuo sito web viene visualizzato su un SERP, Google e altri motori di ricerca, visualizzano il titolo del sito, l'URL e qualsiasi meta descrizione che hai assegnato alla pagina. Quando vengono utilizzati rich snippet, Google è in grado di visualizzare più di informazioni sul risultato effettivo, incluso se questo particolare risultato è una recensione, una persona, un prodotto, un'azienda e altro ancora.

    Serp con rich snippet

    Pensiamo a come un risultato per un elemento su iTunes o Google Play si presenta con una valutazione a stelle, il numero di voti che ha portato a quella valutazione, il prezzo e la piattaforma supportati.

    Quali tipi di contenuto sono supportati?

    Esistono tre diverse specifiche di markup attualmente riconosciute dai principali motori di ricerca:

    • Microdata
    • microformati
    • RDFa

    Microdata è il più ampiamente supportato in termini di annotazioni, in particolare lo schema di Schema.org. I tag Open Graph e Twitter Cards sono una forma di markup dei dati strutturati, ma dovrebbero essere utilizzati insieme ai rich snippet, non al posto di.

    Conclusioni

    Tirando le somme, abbiamo visto come sia importante arrivare preparati al cambio di paradigma di Google e riuscire anche giorno per giorno ad apportare modifiche che rendano ottimizzato il vostro sito web dia da desktop e sia da mobile.

    Utilizzando dei tool SEO specifici quali semrush o Seozoom, riusciamo ad avere una panoramica più esaustiva dello stato di salute del nostro sito anche in ottica ottimizzazione seo per mobile.

    « 5 modi per aumentare le visite al sito web Ricerca delle parole chiave SEO: dal contesto ai tools »

      Ultimi articoli

      RICHIEDI SUBITO LA CONSULENZA GRATUITA  Un'ora di consulenza esperta per sviluppare una strategia vincente di  Marketing Automation

      Iscriviti al nostro blog